Autunno

Le attività dell’autunno sono: vendemmiare, stendere l’uva ad appassire sui graticci, lasciarla asciugare quanto basta, raccogliere l’uva passita, portarla in cantina e qui vinificare. La forestale controlla le quantità di Roberto che devono essere compatibili con la dimensione del terreno che solo lui coltiva.

Vendemmiare:

I fratelli scelgono con antica esperienza le migliori uve nei loro ciàn e le trasportano subito  a Bargòn nel punto di massima ventilazione.

vendemmia-sciacchetra02

vendemmia-sciacchetra03

vendemmia-sciacchetra04

vendemmia-sciacchetra05

vendemmia-sciacchetra06

vendemmia-sciacchetra07

vendemmia-sciacchetra08

vendemmia-sciacchetra09

Stendere l’uva ad appassire:

qui, ancora insieme, i fratelli stendono lʼuva sui graticci, che vengono sovrapposti  fino a formare  un accastellamento. Qui  l’uva è accarezzata dal vento, ma è al riparo dal sole e dalla pioggia. Quando i grappoli sono passiti al punto giusto, dopo circa due mesi, (non prima del primo Novembre) vengono nuovamente raccolti e portati in cantina.

vendemmia-sciacchetra10

vendemmia-sciacchetra11

vendemmia-sciacchetra12

vendemmia-sciacchetra13

vendemmia-sciacchetra14

vendemmia-sciacchetra15

Vinificare:

In cantina, seduti  in cerchio davanti ad un grande contenitore, chiacchierando fra di loro, sgranano i grappoli  a mano chicco per chicco. Segue una prima spremitura “dolce” con la deraspatrice, da cui esce il mosto che fermenterà  sulle sue bucce per circa due settimane nei tini d’acciaio. Questo passaggio contraddistingue lo Sciacchetrà da tutti gli altri passiti che invece fermentano senza le bucce. A questo punto si  torchia e infine si lascia affinare lo sciacchetrà nei suoi lieviti all’interno delle botti d’acciaio per almeno venti mesi.

 

vinificazione-sciacchetra1

vinificazione-sciacchetra3

vinificazione-sciacchetra5

P1010810

vinificazione-sciacchetra4b

vinificazione-sciacchetra4

CONTATTARE